Recensione "Il convento dei segreti" di Giada Trebeschi - Newton Compton Editori

Titolo: Il convento dei segreti
Autore: Giada Trebeschi
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Thriller storico
Data pubblicazione: 3 Marzo 2022

Trama: Catania, 1669. Ancora giovanissima, Agata è costretta dalla famiglia a entrare in un convento di clausura. Poco importa che non abbia alcuna vocazione: le sue suppliche restano inascoltate ed è obbligata a prendere i voti, diventando suor Immacolata. Il suo temperamento ribelle è motivo di diffidenza da parte delle altre monache, e Immacolata si trova presto isolata e malvista. Neppure sua cugina Elisabetta, educanda in attesa del matrimonio, rappresenta per lei motivo di sollievo: la ragazza non perde occasione per denunciare la cugina alla badessa, che le infligge punizioni severissime. Solo l’improvviso arrivo in convento di Maria Grazia, esperta pasticciera, riesce a cambiare qualcosa nella triste monotonia della vita claustrale. Tra lei e Immacolata nasce infatti un’insperata complicità, che si trasforma, giorno dopo giorno, in una vera e propria amicizia. Le due ragazze cominciano a confidarsi, raccontandosi i rispettivi segreti. Ma sono segreti pericolosi. Perché Maria Grazia non è chi dice di essere. Gli eventi tragici e inconfessabili del suo passato potrebbero mettere a rischio la sua vita. E non solo la sua…

RECENSIONE DI FRANCESCA

Il convento dei segreti, è un romanzo scritto da Giada Trabeschi e pubblicato da Newton Compton editori.
Ambientato nella Catania del 1669, racconta la storia di Agata, costretta giovanissima, dalla sua famiglia, ad entrare in un convento di clausura.
Così Agata, ”chiusa li dentro, imprigionata, privata del suo corpo, intrappolata nell’ombra eterna” divenne suor Immacolata ”mentre fuori, la luce abbagliante della vita, la chiamava a gran voce. ”Agata Maria Paternò della Bruga, non esisteva più, stava morendo al mondo per scelte fatte da altri.
In fondo era solo una donna…
Ah, se solo avesse potuto scegliere di nascere maschio!
La rabbia, la noia e la monotonia della sua prigionia, vennero distratte dall’arrivo di Maria Grazia, una bravissima pasticciera con un passato misterioso, che ben presto, fu svelato a suor Immacolata.
Tra loro nacque una sincera profonda amicizia.
Grazie a quest’amicizia, suor Immacolata, poté riprendere in mano la sua vita da donna libera.
Il romanzo è scritto in modo scorrevole e usa termini semplici. Fin dalle prime pagine, accende la curiosità del lettore. Emergono descrizioni storiche dell’eruzione dell’Etna a Catania del 1669,emerge la situazione di sottomissione della figura femminile, emerge il valore dell’amicizia dell’amore e della lotta per il proprio diritto alla libertà. Il valore che vedo emergere e che personalmente trovo più interessante è che l’amore e il bene…trionfano sempre sul male.
Consiglio la lettura di questo romanzo.

Post Views: 3.356